martedì 14 luglio 2009

evvai, verso 1.000 e nuove avventure

13 luglio, prima uscita stagionale.
Possibile?
Possibilissimo!
In ritardo su tutto e su tutti! Quando il mondo è già da tempo nel pieno della forma fisica io, ieri sera, ero pronto per il primo giretto.
Sì, peccato che sono partito con la bici da corsa e non a piedi. Ma va bene, va bene così. Mi sono fatto una ragione della mia lesione plantare ed ho deciso che si cambia sport fino alla completa guarigione.
La mia bici, nonostante sia vecchiotta, è più che sufficiente alle mie esigenze. Abbigliamento, acqua, cardio, casco, occhiali, scarpe evvia, verso mille e nuove avventure…
Il risultato è stato assolutamente anonimo, quasi vergognoso: 1h10' di pianura per fare 30 km. Ma intanto ho cominciato a far girare le gambe (che non depilerò MAI) e a far volare la fantasia. Una differenza su tutte mi è balzata da subito in evidenza: in bici, appena oso qualcosina di più, i muscoli adduttori delle gambe incominciano a bruciare, un calore intenso invade la tutta coscia anteriore. Con la corsa non mi succede(va).
L’obiettivo è quello di arrivare alla seconda metà di settembre in condizioni tali da poter andare “tranquillamente” a mangiare una crêpe a Bosco Chiesanuova facendo il giro dai Parpari e S. Giorgio.

1 commento:

Ale_1957 ha detto...

"...va bene, va bene così..." ottima decisione!
Ti seguo da un pò anche se non ti ho mai scritto ma un bell'incoraggiamento te lo voglio dare: auguri per una prontissima guarigione. Visto che sei un tipo deciso, ci arriverai prestissimo! Ciao e complimenti per il blog.