martedì 21 maggio 2013

Perdonatemi ma so'rragazzo

Rientrate le preoccupazioni sanitarie mi concedo delle serate divertenti, dedicate al fondo lento, cercando anche un po' di dislivello che, qui fuori casa, è impossibile da trovare. Trasferte, dunque, sulle colline ad Est di Verona che tanto mi piacciono e che, ahimè, hanno avuto qualche problemino con le ultime precipitazioni. Proprio lì in mezzo al fango, fin che mi improvviso trail-runner, incrocio una coppia di pensionati che, con il naso in su, guardano un elicottero che sorvola insistentemente uno degli alberghi più gettonati di Verona: la casa circondariale di Montorio. Arrivo di corsa, sudato, sporco e trafelato. Li affianco con il taglio dell'indice appoggiato alla punta del naso dicendo "Ssss ... mi stanno cercando" e mi gusto gli occhi spalancati della moglie che si aggrappa al braccio del marito che mi guarda a bocca aperta.

3 commenti:

theyogi ha detto...

qui li chiamiamo cazzari, ma la sostanza non cambia.... :D

emiliano ha detto...

....eh eh eh eh eh eh.....galeotto Ciccò!

Ciccò ha detto...

Yo- a Roma avete termilni che sono così immediati ed univoci da far invidia

Emiliano- io ho pazienza, prima o poi faremo un bellissimo allenamento in compagnia