venerdì 30 settembre 2011

2 CONSIDERAZIONI

I^ - mi vergogno ad ammetterlo ma non lo nascondo: quando corro, quella moltitudine di volte che non sono troppo concentrato per farlo, mi guardo riflesso nelle vetrine o sui finestrini delle macchine parcheggiate. Sarò anche un po’ vanitoso (chi non lo è scagli la prima pietra) però è una vanità che so spacciare benissimo come autocontrollo visivo della postura.
II^ - premesso che non sto cercando e nemmeno preparando la mia prestazione migliore ma, accidenti, non c’è verso! Nemmeno ieri sera sono sceso sotto i 44’ sui 10 km. Anzi, quando ho schiacciato lo stop, mi sono pure sentito preso in giro con un bel 0.44.05

6 commenti:

Karim ha detto...

Il motivo per il quale io vado piano è proprio questo, rallento sempre per ammirarmi nelle vetrine dei negozi... non è vanità, nooo...

Emiliano ha detto...

Spero che almeno però non ti sistemi i capelli mentre vai a 4'30''altrimenti abbiamo trovato il problema del crono che non scende!
Ciao.

theyogi ha detto...

signore mio non me ne parli, io mi rimiro chiedendomi perplesso della mia ballonzolante trippetta....

teo ha detto...

Ebbene si...anch'io mi "ammiro" nelle vetrine dei negozi ma subito dopo mi guardo intorno sperando non ci sia troppa gente:-)ciaooo
p.s aspetta un pò di freschetto per i pb!ciaoooo

Caio ha detto...

Anch'io, anch'io... fortuna che ho lasciato la città!

insane ha detto...

Nel mio solito giro c'è una sola vetrina e mi basta per capire che ho una corsa di ca**a... ;)
Se il 10mila lo fai in una gara scommetti che fai almeno 42'...