lunedì 1 marzo 2010

Canne al vento


Siamo proprio come canne al vento. Siamo canne, e la sorte è il vento.

Cambio il sostantivo sorte ed il gioco è fatto!
Non so se, trent'anni fa, quei pochi intimi deputati a decidere abbiano coscientemente tratto spunto dal capolavoro verista di Grazia Deledda ma, mio malgrado, mi ci devo riconoscere.
L’ultima sgambata in montagna in compagnia del cane lo ha nuovamente confermato.

8 commenti:

the yogi ha detto...

io mi riconosco più nel vento che piega le canne (la sorte) a seconda di come decido, almeno nelle intenzioni.... stupenda sta foto!

Fatdaddy ha detto...

Dillo a me (Brace Sotto La Cenere)!
Avevano tanti difetti però certi capi scout la sapevano lunga; certi altri invece erano degli emeriti cretini, ma questo è un altro discorso...

Michele ha detto...

Canne ?? canne ?? dov'è che si fuma ?? :)

Ciccò ha detto...

@Yogi- un'affermazione che rischia di passare per presuntuosa :-)

@Fat- così va il mondo ma ti assicuro che oggi, in associazione, sono cambiate molte cose

@Michè- l'Olanda ti ha rovinato!

Fatdaddy ha detto...

...ma sei ancora "dentro" il movimento? o_O

Ciccò ha detto...

@Fat- sì, capogruppo del vr8!
ma ho promesso che, con fine anno, smetterò. E' da lì che nascono i problemi di letti troppo grandi e coperte troppo corte...

Fatdaddy ha detto...

Non lo sapevo, massimo rispetto ed ammirazione per te! (Per quanto mi riguarda è un periodo che per molti versi preferisco cercare invano di dimenticare...)

the yogi ha detto...

ho le spalle larghe e la coscienza linda.... ;)